10 COSE CHE NON SAPETE SULLE API

10 COSE CHE NON SAPETE SULLE API

Come tutti sappiamo le api sono essenziali per l’equilibrio dell’ecosistema, molti di noi però delle api sanno molto poco, per questo con Francesca di @Makarelle_ abbiamo deciso di creare un freebie educativo per approfondire la vita delle api e raccontarvi 10 cose che sicuramente non sapete sulle api.

Il freebie è per bambini di ogni età, per questo le informazioni non vanno in profondità, le carte però possono essere di spunto per approfondire l’argomento.

Andiamo dunque a vedere le 10 COSE CHE NON SAPETE SULLE API

-Il 20 maggio è la giornata mondiale delle api, chi come me a trent’anni di vita non era a conoscenza?

-Nell’immaginario cristiano l’ape è sempre stata considerata una figura significativa.

Anche se puo risultare strano, hanno un loro patrono, Sant’Ambrogio, il quale paragonò la Chiesa all’alveare e i membri della comunità alle api.

Anche San Bernardo di Chiaravalle aveva grande rispetto per l’ape che considerava un simbolo dello Spirito Santo.

-Le api contribuiscono allo spostamento del polline grazie al loro movimento, ma forse non sapevate che «Le api domestiche e selvatiche sono responsabili di circa il 70% dell’impollinazione di tutte le specie vegetali viventi sul pianeta e garantiscono circa il 35% della produzione globale di cibo».

-Durante ogni singlo volo di ricognizione un’ape può arrivare a visitare fino 100 fiori.

-Una colonia di 30.000 api visita circa 2.730 fiori per 1 kg di miele, annualmente produce tra i 20 e i 30 kg di miele.

La imagen tiene un atributo ALT vacío; su nombre de archivo es 176637199_4466808563385835_4770126401375635949_n-576x1024.jpg

-Un’ape deve compiere un volo pari a tre volte l’equatore per produrre 1kg di miele.


-«Il pungiglione delle api è l’organo di deposizione delle uova ed anche lo stesso che usano per pungere. Le api non attaccano mai senza un motivo, sono le femmine che pungono, ma solo se si sentono minacciate».

-Ogni colonia di api produce il suo proprio odore caratteristico che permette alle api di quello stesso alveare di riconoscere i suoi simili.

-Parlando di notizie preoccupanti, secondo i dati della Confederazione italiana agricoltori, negli ultimi 10 anni in tutto il mondo sono scomparsi 10 milioni di alveari, di cui 200.000 solo in Italia.

-API E GRECI

Fin dai tempi dei Greci le api erano considerate importanti e affascinanti, infatti ne parlano anche nella «Periegesi» compiuta da Pausania nel II secolo.

Qui riporto un edizione commentata della Fondazione Valla nel punto in cui si parla delle api: » Dopo questo primo atto, un secondo tempio era stato interamente costruito dalle api, creature della purezza assoluta e immagini dell’anima disincarnata («api» si chiamavano le stesse sacerdotesse profetiche consacrate al dio).

Le operose api edificarono un tempio fatto interamente di piume saldate tra loro dalla cera: un santuario leggero e quasi impalpabile, un edificio, per così dire, aereo, che Apollo trasportò magicamente nel paese lontano e misterioso degli Iperborei, in quel Nord assoluto in cui il dio solare si rifugia periodicamente finché l’intera rivoluzione degli astri non sia compiuta».

Spero che abbiate trovato queste notizie utili ed interessanti, magari spunto di una ricerca casalinga con i vostri cuccioli, qui vi lascio il file da scaricare

BIBLIOGRAFIA

https://www.ilmielebuono.it/news/11-curiosita-che-non-avresti-mai-immaginato-sulle-api
https://ilmanifesto.it/pausania-a-delfi-ombelico-e-archivio-di-tutte-le-storie/

http://www.apicolturaonline.it/nicoli1.htm

https://www.focus.it/ambiente/animali/quanti-fiori-devono-visitare-le-api-per-produrre-un-kg-di-miele

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *